Questo sito utilizza solo cookie tecnici e di analytics (equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici).

Preferenze Accetto

Oltre l'emergenza Coronavirus: San Giuliano si muove e prepara la ripartenza delle opere pubbliche

Data di pubblicazione:

giovedì 23 aprile, 2020

Tempo di lettura:

3 min

In attesa delle decisioni del Governo in merito allo sblocco dei cantieri, San Giuliano si è portata avanti nell’attuazione del Programma Triennale delle Opere Pubbliche. Grazie alla variazione di Bilancio da oltre € 4 milioni approvata a inizio aprile dal Consiglio Comunale, gli uffici stanno lavorando sui progetti necessari per la ripartenza e l’ammodernamento della città ma anche volano per l’occupazione. Durante questa fase di fermo obbligato, la Giunta Comunale ha comunque approvato una serie di atti importanti: l’approvazione del progetto definitivo-esecutivo per la manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi nell’anno in corso con un investimento di € 610.000; attenzione anche alle scuole con il via libera al progetto definitivo-esecutivo per gli interventi finalizzati all’ottenimento del C.P.I. (Certificato Prevenzione Antincendio) per la Primaria Cavalcanti (€ 380.000 per rifacimento scale esterne, adeguamento impianti idrico antincendio ed elettrico) e per la Secondaria di Primo Grado “E.Fermi” (€ 395.000 per adeguamento impianto elettrico, idrico antincendio e rifacimento servizi igienici).

Due ulteriori segnali sono stati dati anche nella Giunta di martedì 21 aprile, dove è stato dato il via libera alla prima fase progettuale per la nuova pista ciclabile che collegherà le frazioni di Sesto Ulteriano, Civesio e Borgolombardo con un investimento di € 1.000.000; nella stessa seduta, l’Amministrazione ha approvato il progetto definitivo-esecutivo per il rifacimento della copertura e della guaina impermeabilizzante della Sala Previato, a SpazioCultura.

Commenta il Sindaco Marco Segala: “Riteniamo che questi siano giorni fondamentali in cui tutti debbano riflettare in modo concreto sulla fase della ripartenza e di come articolarla: non mi addentro in ragionamenti che non mi competono, ma concordo sul fatto che, tenuto conto dell’evolversi dei dati sanitari, sia indispensabile dare al Paese qualche segnale di ripresa quanto meno in alcuni settori produttivi strategici.

Noi come Comune abbiamo a disposizione una somma considerevole che vogliamo spendere per dare risposte ai cittadini che chiedono manutenzione del territorio e delle scuole ma anche il proseguimento di opere che rendano la città più vivibile. Da qui vogliamo ripartire e sicuramente mi confortano le parole del Presidente di Regione Lombardia che, nei giorni scorsi, ha annunciato di aver proposto al Consiglio Regionale un “Piano Marshall” da € 3 miliardi per il rilancio complessivo dell’economia della Regione: tra i 400 milioni previsti per i Comuni da utilizzare per opere immediatamente cantierabili entro ottobre, € 700.000 sono stanziati per la nostra città. Possiamo dire che le risorse ci sono, le idee e i progetti li abbiamo ben chiari: attendiamo solo che le autorità competenti si pronuncino e consentano ai

Comuni, naturalmente in piena sicurezza, di rimettere in moto la macchina dello sviluppo economico e produttivo del territorio che sta soffrendo anche una drammatica crisi sociale”.

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

23/04/2020