Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

Approvato a tempo di record il Bilancio di previsione 2021-2023

Riduzione significativa della pressione fiscale sulle famiglie a basso reddito

Data di pubblicazione:

lunedì 28 dicembre, 2020

Tempo di lettura:

4 min

Nella seduta del 16 dicembre il Consiglio Comunale ha approvato il Bilancio di Previsione 2021-2023, con i voti favorevoli di Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia*. Un’approvazione che non solo è avvenuta in netto anticipo rispetto al 31 gennaio 2021 (termine previsto dalle norme), ma anzi, per il 2° anno consecutivo, entro il mese di dicembre: questo comporta indubbi vantaggi in termine di programmazione ed evita l’esercizio provvisorio da gennaio con le sue inevitabili criticità.
Inoltre, il Bilancio di previsione 2021-23 è il primo dopo l’uscita definitiva dal Piano di Riequilibrio Pluriennale (c.d. Predissesto), che , come già noto, è stato chiuso con 4 anni di anticipo.
In termini generali, la situazione finanziaria si conferma in netto miglioramento grazie al risanamento dei conti pubblici con cui è stato possibile far fronte anche alle esigenze provocate dalla crisi sanitaria che stiamo attraversando e dai suoi effetti economico-sociali.
Tra i punti salienti:

  • prima significativa riduzione fiscale dal 2009 a favore delle fasce di reddito più deboli; da un lato l’innalzamento della soglia di esenzione dell’addizionale IRPEF, che passa dagli attuali 6 mila a 10.000 euro; dall’altro l’introduzione del bonus TARI che prevede uno sconto pari al 20% per i nuclei familiari con ISEE fino a 10 mila euro. Tali provvedimenti comportano circa 300 mila euro di minori entrate;

  • ulteriori investimenti in opere pubbliche, finanziate sia con risorse proprie dell’Ente, sia con contributi statali o privati. Il totale ammonta a oltre 28 milioni di euro nel triennio, di cui 14 milioni di euro derivanti da contributi statali, che potrebbero esse richiesti per progetti specifici, e circa 3,6 milioni di euro dei privati per la Stazione di Zivido;

  • mantenimento di un alto livello qualitativo nel funzionamento e nell’erogazione dei servizi comunali, sia in campo sociale ed educativo, sia negli ambiti della sicurezza e del decoro urbano.

Commenta il Sindaco Marco Segala: “Il documento approvato dal Consiglio è il frutto di un grande lavoro di squadra che ha coinvolto tanto noi Amministratori, quanto i dipendenti dell’Ente, a cui va il nostro ringraziamento per l’impegno e la dedizione dimostrati anche in questa occasione. Si tratta dell’ultimo Bilancio prima della fine del nostro mandato – di cui siamo orgogliosi – e che si unisce al lavoro profuso per la riorganizzazione della struttura comunale. Possiamo affermare con piena consapevolezza che la nostra azione amministrativa in questi 5 anni si è particolarmente focalizzata sia sui bisogni dei cittadini, sia sull’esigenza di risanare i conti pubblici. Oggi San Giuliano può finalmente guardare al futuro con rinnovata fiducia e ottimismo”.

Commenta l’Assessore al Bilancio, Mario Grioni: “Le tre direttrici principali che hanno guidato la stesura del Bilancio 2021-2023 sono: lotta all’evasione, investimenti per opere e lavori pubblici e attenzione alle fasce deboli e ai servizi sociali.
Il Bilancio 2021-2023 è la rappresentazione in cifre di una situazione economico-finanziaria solida e in costante miglioramento. Il Bilancio aumenta la disponibilità di risorse a disposizione dell’Ente, anche grazie ad un’efficace lotta all’evasione fiscale che consentirà, nell’arco del prossimo triennio, di recuperare ulteriori 2 milioni e 200mila euro, oltre ai 6 milioni e 700mila euro già incassati ad oggi dal 2017.
Sul piano degli investimenti, come anticipato dal Sindaco, il bilancio del prossimo triennio prevede cifre rilevanti per la manutenzione straordinaria del territorio, con particolare attenzione a: strade, marciapiedi e piazze; parchi e arredo urbano, immobili comunali e patrimonio Genia.
La costante attenzione alla qualità dei servizi che vogliamo mantenere alta e inalterata, è testimoniata dalle previsioni di spesa, ad esempio per i servizi sociali, che nel triennio saranno pari a circa 17 milioni di euro”.

Il gruppo Gina!Gina Greco Sindaco si è astenuto mentre PD e SEL hanno espresso voto contrario (il Movimento 5 Stelle non ha partecipato alla votazione).

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

28/12/2020