Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l'acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

Ordinanze del Sindaco per fronteggiare l’emergenza idrica

Scopri il contenuto del provvedimento del 28/6 e le precisazioni dell'Ordinanza del 7/7

Data di pubblicazione:

mercoledì 29 giugno, 2022

Tempo di lettura:

2 min

Visualizzazioni

3694

È pubblicata all’Albo Pretorio l’Ordinanza n. 41 del 28/6/2022 firmata dal Sindaco, Marco Segala, rivolta ai privati cittadini, riguardante il risparmio idrico e le limitazioni relative all’utilizzo dell’acqua potabile.

Il mancato rispetto della presente ordinanza sarà sanzionato ai sensi dell’art. 7 bis del D.Lgs. 267/2000 e s.m.i. con l’applicazione della pena pecuniaria ivi prevista.

Ecco il testo del provvedimento

_________________________

In data 7 luglio 2022, è stata emessa l’Ordinanza n.43 con cui vengono forniti chiarimenti e precisazioni sulle linee guida per l’utilizzo di acqua per l’irrigazione e annaffiatura di prati e giardini e per le piscine private, da aggiungersi a quelle già inserite nel provvedimento del 28 giugno scorso.

Nel testo si precisa che vige il divieto di prelievo e di consumo di acqua potabile per:

– l’annaffiatura di prati e giardini, fatta eccezione:
a) per l’irrigazione a goccia e per altre modalità di annaffiatura delle aree verdi private e pubbliche, la cui sospensione comporti danni irreversibili alle specie arboree, arbustive e floreali (non saranno consentite bagnature dalle ore 7.00 alle ore 22.00 al fine di limitare il più possibile l’evaporazione celere dell’acqua utilizzata);
b) per gli orti e piante ad uso alimentare (non saranno consentite bagnature dalle ore 7.00 alle ore 22.00 al fine di limitare il più possibile l’evaporazione celere dell’acqua utilizzata);
c) per gli usi zootecnici e industriali e tutte le attività regolarmente autorizzate per le quali è
necessario l’uso dell’acqua potabile;

il riempimento di piscine private interrate o fuori terra; per le piscine private attualmente già piene è vietato effettuare il ricambio dell’acqua mediante operazione di svuotamento e riempimento (può essere conservata l’acqua presente nell’invaso opportunatamente trattata)

 

Ecco il testo del provvedimento

Ulteriori informazioni

Ultimo aggiornamento

18/07/2022