Questo sito utilizza solo cookie tecnici e analytics di terze parti che rispettano i requisiti per essere equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici.
Pertanto non è richesta l'acquisizione del consenso.

Informativa Chiudi

BONUS ELETTRICO, GAS ED IDRICO

Visualizzazioni

278

Bonus luce, gas e acqua sono aiuti alle famiglie che ottengono così una riduzione sulle bollette relative a queste tre utenze.

A chi si rivolge

Ai cittadini appartenenti:

  1. ad un nucleo familiare con indicatore ISEE non superiore a 12000 euro (nuova soglia fissata dal D.L. 21/02/22 n. 21 per il periodo 1 aprile - 31 dicembre 2022);
  2. oppure, ad un nucleo familiare con almeno 4 figli a carico (famiglia numerosa) e indicatore ISEE non superiore a 20.000 euro;
  3. oppure, ad un nucleo familiare titolare di Reddito di cittadinanza o Pensione di cittadinanza.

Uno dei componenti del nucleo familiare ISEE deve essere intestatario di un contratto di fornitura elettrica e/o gas e/o idrica con tariffa per usi domestici e attivo, oppure usufruire di una fornitura condominiale gas e/o idrica attiva.

Ogni nucleo familiare ha diritto a un solo bonus per tipologia - elettrico, gas, idrico - per anno di competenza.

Accedi al servizio

Dal 1° gennaio 2021 gli interessati non dovranno più per ottenere i bonus per disagio economico presentare la domanda presso i Comuni o i CAF.
Sarà sufficiente che ogni anno il cittadino/nucleo familiare sia in possesso dell'attestazione ISEE (per compilare e richiedere l’ISEE si può consultare il sito internet www.inps.it)

Nell'eventualità che il nucleo familiare rientri in una delle tre condizioni di disagio economico che danno diritto al bonus:

  • se uno dei componenti del nucleo familiare è  intestatario di una fornitura diretta (individuale), i bonus sociali luce e gas saranno applicati direttamente in bolletta:
  • se il nucleo familiare usufruisce di una fornitura centralizzata (condominiale) verrà riconosciuto l'intero importo alla famiglia disagiata una volta l'anno:
    • nel caso del bonus idrico, con assegno circolare intestato al componente del nucleo familiare che ha presentato la DSU e recapitato all'abitazione del nucleo familiare,
    • nel caso del bonus gas con bonifico domiciliato intestato al componente del nucleo familiare che ha presentato la DSU e ritirabile presso qualsiasi sportello di Poste italiane; le modalità e le tempistiche per il ritiro del bonifico saranno rese note agli interessati mediante apposita comunicazione; i termini per i ritiro del bonifico sono stati significativamente estesi rispetto a quelli previsti nel precedente sistema "a domanda".

Per maggiori informazioni su come e quando si riceve il bonus consulta l'allegato.

Infine, se il cliente chiude l'utenza o viene effettuata la voltura ad altro utente - perché, per esempio, cambia residenza e si trasferisce in altra abitazione - l'ammontare di bonus restante verrà erogato in un'unica soluzione e non potrà essere richiesto un nuovo bonus per l'anno di competenza da nessuno dei componenti del nucleo familiare di appartenenza.

Il bonus viene erogato in continuità anche quando il cliente decida di cambiare contratto o fornitore.

Comune

Via De Nicola 2 - 20098 San Giuliano Milanese (MI)

Tempi e scadenze

Eventuali domande presentate dal 1° gennaio 2021 in poi quindi non potranno essere accettate dai Comuni e dai CAF e non saranno in ogni caso valide per ottenere i bonus.

Ulteriori informazioni

Confermato

Il Bonus Elettrico è l’agevolazione che riduce la spesa sostenuta dai clienti domestici per la fornitura di energia elettrica. Introdotto dal Governo con DM 28/12/2007.
Il Bonus Gas è' uno sconto sulla bolletta, introdotto dal Governo e reso operativo dall'Autorità per assicurare un risparmio sulla spesa per l'energia alle famiglie in condizione di disagio economico e alle famiglie numerose.
Il Bonus Idrico (o Bonus Acqua) è una misura volta a ridurre la spesa per il servizio di acquedotto di una famiglia in condizione di disagio economico e sociale. E' stata prevista dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016, emanato in forza dell'articolo 60 del cosiddetto Collegato Ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221) e successivamente attuata con provvedimenti dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente.
Consente di non pagare un quantitativo minimo di acqua a persona per anno. Tale quantitativo è stato fissato in 50 litri giorno a persona (18,25 mc di acqua all'anno), corrispondenti al soddisfacimento dei bisogni essenziali.

Nel momento in cui, ogni anno, il cittadino/nucleo familiare è in possesso dell'attestazione ISEE,  l'INPS invierà i suoi dati al SII (Sistema Informativo Integrato gestito dalla società Acquirente Unico) che incrocerà i dati ricevuti con quelli relativi alle forniture di elettricità, gas e acqua, permettendo di erogare automaticamente i bonus agli aventi diritto.

Per saperne di più è possibile consultare il sito dell'Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente: arera
- Bonus elettrico
- Bonus gas
- Bonus idrico

NORMATIVA
- Comunicato Stampa del 25 febbraio 2021 - l'Autorità di Regolazione per Energia Reti ed Ambiente

Ultimo aggiornamento

18/05/2022