Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze Accetto

CONVIVENZA DI FATTO

Visualizzazioni

12

In data 5 giugno 2016 è entrata in vigore la Legge 20 Maggio 2016, n. 76 riguardante la “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze”.

A chi si rivolge

La convivenza di fatto è un istituto che riguarda sia coppie omosessuali che eterosessuali composte da persone maggiorenni:

  • unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, non vincolate da rapporti di parentela, affinità o adozione, da matrimonio o da un'unione civile;
  • coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso Comune.

Accedi al servizio

La dichiarazione (vedi allegato) può essere inoltrata:

L'inoltro via email è consentito seguendo una delle seguenti modalità:

a) acquisizione mediante scanner della copia della dichiarazione recante le firme autografe e delle copie dei documenti d'identità dei dichiaranti e trasmissione tramite casella di posta elettronica semplice o via PEC

b) sottoscrizione della dichiarazione con le firme digitale di entrambi i dichiaranti e invio della stessa tramite casella di posta elettronica semplice o PEC

  • Oppure, occorre presentarsi presso l'Ufficio Anagrafe di Via E. De Nicola, 2 o presso la sede decentrata di Sesto Ulteriano con i documenti d'identità validi. Può presentarsi anche un solo componente della convivenza di fatto purché in possesso della fotocopia del documento d'identità del componente assente. Il modulo deve essere sottoscritto da entrambi i componenti.

La suddetta dichiarazione può (e non deve) essere disciplinata da un contratto redatto in forma scritta con atto pubblico o scrittura privata con sottoscrizione autenticata da un notaio o da un avvocato.

N.B. La dichiarazione non può essere effettuata da coloro che facciano già parte di un'unione civile, i cui effetti non siano cessati al momento della domanda di iscrizione, né dalle persone coniugate fino al momento dell'annotazione dello scioglimento o della cessazione degli effetti civili sull'atto di matrimonio.

Per le specifiche rispetto alle diverse situazioni anagrafiche degli interessati, occorre consultare la scheda informativa "Residenza e cambio via-dichiarazione"

Cancellazione di una convivenza di fatto

La cancellazione della convivenza di fatto può avvenire nei seguenti casi:

  • d'ufficio in caso di cessazione della situazione di coabitazione nel Comune di San Giuliano Milanese di uno o entrambi i componenti della convivenza di fatto o in caso di matrimonio e unione civile;
  • su richiesta qualora vengano meno i legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale. La cancellazione avverrà su domanda di una o di entrambe la parti interessate .

La dichiarazione per la costituzione di una convivenza di fatto può essere effettuata da due persone maggiorenni, unite stabilmente da legami affettivi di coppia e di reciproca assistenza morale e materiale, residenti nel Comune di San Giuliano Milanese, coabitanti e iscritte sul medesimo stato di famiglia.
Nel caso in cui gli stessi non siano residenti, coabitanti e iscritti sul medesimo stato di famiglia è necessario recarsi in Anagrafe per effettuare la variazione.

La richiesta di scioglimento della convivenza di fatto (vedi allegato) potrà essere inviata con le stesse modalità della dichiarazione di convivenza di fatto sopra riportate.

N.B.: nel caso di richiesta di cancellazione di una sola parte interessata il Comune provvederà a inviare all'altro componente la relativa comunicazione. 

Comune

Via De Nicola 2 - 20098 San Giuliano Milanese (MI)

Tempi e scadenze

- 2 giorni lavorativi per la registrazione delle dichiarazioni nei registri anagrafici;
- 45 giorni per la verifica dei requisiti, salvo esisto negativo degli accertamenti.

 

Ulteriori informazioni

Confermato

NORMATIVA

Legge 20 maggio 2016 n. 76 “Regolamentazione delle unioni civili tra persone dello stesso sesso e disciplina delle convivenze“ (Art. 1, commi 36-65).

Ultimo aggiornamento

19/02/2021