Questo sito utilizza solo cookie tecnici e di analytics (equiparabili ai cookie e agli altri identificatori tecnici).

Preferenze Accetto

DISPOSIZIONI ANTICIPATE DI TRATTAMENTO (DAT) - BIOTESTAMENTO

La legge 219/2017 introduce le DAT, “Disposizioni Anticipate di Trattamento”, secondo cui ogni persona  in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può indicare:

  • le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari,
  • il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari;
  • un “fiduciario”, che ne faccia le veci e la rappresenti nelle relazioni con il medico e con le strutture sanitarie.

A chi si rivolge

Ai cittadini residenti nel Comune di San Giuliano Milanese:

  • maggiorenni;
  • con capacità di intendere e volere.

Accedi al servizio

- Dopo aver redatto la Disposizione Anticipata di Trattamento (DAT), utilizzando il modulo in allegato oppure scrivendo un testo di proprio pugno, consegnarla personalmente all'ufficio di Stato Civile del Comune, che provvederà all'annotazione in apposito registro.

All'atto della consegna l'Ufficiale dello Stato Civile  verifica che la DAT rechi la firma autografa del disponente e che lo stesso sia residente nel Comune. L'Ufficiale dello Stato Civile si limita quindi a verificare i presupposti per la consegna che riguardano l'identità del dichiarante.
All'atto di deposito della DAT verrà rilasciata formale ricevuta.

Presso l'ufficio di Stato Civile le DAT sono modificabili, revocabili (annullate definitivamente) e rinnovabili in ogni momento.

- In alternativa la redazione delle DAT può anche essere fatta dal notaio, sia con atto pubblico, sia con scrittura privata autenticata; in entrambe i casi il notaio provvederà a conservarne l'originale.

Comune

Via De Nicola 2 - 20098 San Giuliano Milanese (MI)

Costi e vincoli

Le DAT sono esenti dall'obbligo di registrazione tributaria, dall'imposta di bollo e da qualsiasi altro tributo, imposta, diritto e tassa.

Casi particolari

In base all'articolo. 4, comma 7 , nei casi in cui non si possa fisicamente apporre la propria firma o non ci si possa recare in Comune o presso un notaio, le DAT possono essere espresse attraverso videoregistrazione o dispositivi che consentano alla persona con disabilità di comunicare.
Con le medesime forme esse sono rinnovabili, modificabili e revocabili in ogni momento.
Nei casi in cui ragioni di emergenza e urgenza impedissero di procedere alla revoca delle DAT con le modalità sopra indicate, queste possono essere revocate con dichiarazione verbale raccolta o videoregistrata da un medico, con l’assistenza di due testimoni. In questo caso si dovrà provvedere alla consegna di una busta contenente, ad esempio, una chiavetta USB o altro supporto di memorizzazione con le stesse modalità utilizzate per le DAT in forma scritta.

Ulteriori informazioni

Confermato

A partire dal 1 febbraio 2020 è stata costituita presso il Ministero della Salute la banca dati nazionale delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (DAT).

Per le Disposizioni conferite presso il Comune prima del 1 febbraio 2020 è stata effettuata, da parte dello stesso, trasmissione di copia della DAT al Ministero della Salute.
I soggetti che hanno conferito la DAT prima di tale data e vogliano richiederne la cancellazione dalla banca dati nazionale devono rivolgersi direttamente al Ministero della Salute. In tal caso la DAT verrà mantenuta custodita esclusivamente presso il Comune e il Ministero conserverà unicamente l’indicazione di dove è reperibile.

NORMATIVE

- L'art. 4 della L. 219/2017 ,"Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento", in vigore dal 13-1-2018;
- Legge 22 dicembre 2017,n. 219 “Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento”;
- Decreto del Ministero della Salute 10 dicembre 2019, n. 168, recante “Regolamento concernente la banca dati nazionale destinata alla registrazione delle Disposizioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.).

Ultimo aggiornamento

18/05/2021